Come scrivere una Lettera di Presentazione CV efficace.

Come scrivere una Lettera di Presentazione CV efficace.

La tua presentazione ti precede.

Hai in mente di candidarti per un’offerta di lavoro? Vuoi presentarti a un’azienda e fare colpo sul Recruiter?

Oltre a un Curriculum Vitae di tutto rispetto, sia nei contenuti che nell’impaginazione grafica, uno strumento di fondamantale importanza (quando richiesto) è la lettera di presentazione.

Ne hai mai scritta una? O facevi copia-incolla per tutte le offerte di lavoro?

E’ arrivato il momento di spolverare la tastiera e rimettersi a scrivere. Prima di farlo, leggi questi consigli per creare la tua lettera di presentazione CV efficace.

1. Lettera di presentazione CV: definizione e utilità

La lettera di presentazione è, in soldoni, la “narrazione” del tuo curriculum vitae.

Deve raccontare e richiamare le informazioni contenute nel CV, mettendo in risalto il percorso e i risultati che hai ottenuto fino a quel momento.

Quando scrivi questa lettera devi motivare (non a caso definita anche lettera motivazionale) il perché ti stai rivolgendo a quell’azienda e cosa puoi portare in termini di benefici e know-how.

2. Dinamicità della Lettera di Presentazione (e del CV)

Scordati di inviare la stessa lettera di presentazione a tutte le aziende. Ogni azienda ha delle esigenze diverse e la tua lettera deve fare centro su di esse.

E’ necessario modellare la lettera in relazione all’azienda per cui ti candidi, senza dimenticarsi di personalizzare il tipo di lavoro che si andrà a svolgere. La tua presentazione deve essere dinamica, e non statica.

L’obiettivo è quello di dimostrare al Recruiter, in poche righe, che sei una persona competente, interessata all’azienda e in linea con la posizione desiderata.

Inoltre raccogli dati sull’azienda e dettagli sulla posizione desiderata.

In cosa ti distingui dagli altri? Descrivi in cosa puoi portare il tuo contributo e qual è il tuo background professionale.

3. I punti essenziali per una Lettera di Presentazione efficace

Ci siamo. Se non tieni in considerazione questi punti troverai delle lacune nei contenuti della tua lettera. Ti dico questo perché alcune persone che mi hanno chiesto consigli hanno commesso gli stessi errori.

Infatti, al termine dell’articolo, trovi gli errori principali che un candidato commette quando invia una lettera di presentazione CV.

1. Dati personali con email professionale

Non sottovalutare questo aspetto. Ti è capitato di inviare una lettera di presentazione in allegato al CV senza indicare i tuoi dati?

Quella lettera dimostrava scarsa attenzione all’offerta di lavoro. Controlla che tutto sia in linea con il tuo CV, soprattutto la mail alla quale vuoi ricevere risposta.

2. Il Destinatario

Qualcuno la deve pur leggere questa lettera. Se l’offerta di lavoro indica il Recruiter che l’ha creata, allora inserisci i suoi riferimenti (nome, cognome, posizione).

Su Linkedin molte offerte indicano la persona preposta alla gestione dei candidati; se non trovi nulla indica come destinatario l’ufficio delle Risorse Umane.

3. Scrivi per quale offerta di lavoro ti candidi.

Ogni offerta di lavoro ha un titolo e, di solito, un codice collegato. Indica nella lettera entrambi i riferimenti, così da mostrare pieno interesse e cura del dettaglio.

4. Indica la tua esperienza con i numeri

Quanti anni di esperienza hai? In che ruolo? Per quale azienda? Che risultati ha ottenuto (fatturato, clienti, ecc…)?

Se hai lavorato con i numeri indica dei risultati tangibili attraverso delle KPI (Key Performance Indicator). Se la tua azienda è conosciuta nel settore indicala nell’offerta.

5. Motiva la tua candidatura

Devi avere qualcosa che ti spinge a candidarti per quell’offerta di lavoro, oltre al mero guadagno economico.

Tra le righe indica la tua passione per il lavoro, cosa fai ogni giorno per migliorarti: partecipi a degli eventi di settore, segui dei blog, fai corsi di formazione da autodidatta…

6. Punta solo su quello che sai fare

Non usare frasi d’incertezza e negazioni. Sii diretto e deciso in quello che sai fare, tanto finché non vieni assunto nessuno può sapere cosa puoi diventare.

Es. “spero di ottenere un colloquio…”, “vorrei migliorare tanto grazie a voi…”, “penso di essere un ottimo…”, “non sono ancora esperto, ma posso migliorare…”

7. CTA (call to action)

Ricordi l’emozione di quando scrivevi le lettere su carta e ti tornava una risposta via posta?

Chiedi disponibilità al destinatario di farti avere un feedback, anche in caso negativo. Chi vive di speranza muore disperato. Se non ti fa sapere nulla, contattali.

4. Gli errori da evitare nella Lettera di Presentazione

Hai visto i punti necessari per rendere efficace una lettera di presentazione. Ora ti mostro cosa NON devi fare per rovinare tutto il lavoro fatto dopo che hai letto una proposta di lavoro.

1. Lettera troppo lunga

Di solito un Recruiter ha una serie infinita di CV e Lettere da leggere. Quindi, siccome i temi in classe li leggeva la maestra a scuola, tu limitati a scrivere 8-12 righe andando a capo ogni 2-3.

2. Errori ortografici o assenza di parole

Terminata la lettera, rileggila dopo una mezz’ora, a mente lucida e con gli occhi rilassati. In ogni caso falla leggere a un’altra persona, se ne hai la possibilità.

3. Elogio alla persona

Intrattieni il lettore con un elogio all’azienda e alla visione che ha nei prossimi anni. Raccontare solo di te ti allontana dall’obiettivo reale: lavorare per qualcun altro.

4. Non alleghi la lettera quando richiesta espressamente

Se l’azienda richiede la lettera di presentazione, queste DEVE essere inviata in allegato al CV. Solo quando la candidatura non prevede la lettera allora puoi estrometterla.

RIASSUNTO

Ora sei pronto/a. Scrivere una lettera di presentazione non è più un ostacolo. Devi solo metterci la buona volontà nella scrittura e la cura dei dettagli. Non vorrai mica inviare una lettera all’azienda sbagliata 😛

Ricorda una cosa: a seconda del tuo livello professionale la lettere di presentazione cambia. Ogni posizione a cui ti candidi prevede contenuti differenti. Esempi di queste situazioni possono essere: salto di carriera, stage, management, lavoro estivo…

Se hai bisogno di consigli su cosa scrivere nella lettera o semplicemente confrontarti, scrivimi a info@lavoroingrande.it e iscriviti alla newsletter per ricevere una mail a settimana che darà il turbo al tuo lavoro.

A presto,

Oreste